ENG | ITA

Il Museo è stato costruito là dove il ponte attraversa il canale e forma il collegamento più breve tra la stazione e il centro della città. Ogni anno 1.800.000 passanti utilizzano il ponte: la posizione del museo è quindi analoga a quella di un grande magazzino in una strada dello shopping. Il progetto del complesso creato da Mendini assolve le necessità di un tale spazio: da un lato due padiglioni ospitano l’archeologia e le ceramiche orientali, mentre dall'altro tre padiglioni sono destinati a mostre temporanee, arte visiva contemporanea o antica. L'edificio centrale ospita i servizi generali: l'ingresso, il negozio, il caffè, l'auditorium, le aule didattiche e gli uffici. Nella rappresentazione di un’ opera ogni scena ha un proprio allestimento e illuminazione: seguendo lo stesso principio Mendini ha deciso che solo l'illuminazione artificiale sarebbe stata utilizzata negli spazi delle collezioni e mostre temporanee: questa offre una maggiore flessibilità per cambiare gli allestimenti rispetto a ciò che è possibile in spazi illuminati solo dalla luce del giorno. Le possibilità di illuminazione artificiale sono ormai così varie che un certo numero di specialisti si sono impegnati per ottenere il contrasto desiderato. Mendini apparecchi di illuminazione di Hans Hollein per le mostre temporanee e le arti visive contemporanee; Piero Castiglioni ha progettato appositamente l'illuminazione di spazi come la sala d'ingresso, le scale e l'auditorium. Stark ha realizzato una sua propria illuminazione; De Lucchi ha lavorato in collaborazione con Roberto Ostinelli, François Morellet è stato invitato a disegnare il neon a soffitto nel salone d'ingresso. Tuttavia, poiché la necessità di diversità era più importante della necessità di seguire rigorosamente la regola di utilizzare solo l'illuminazione artificiale, Coop Himmelblau è stato sollecitato a progettare l'illuminazione di un padiglione con luce diurna: il museo offre così, accanto a quattro piani illuminati con luce artificiale, almeno uno spazio illuminato con luce diurna, quindi, ancora una aggiunta alla varietà espressa dal e nel complesso museale.

1994

Olanda
Groningen
Museo Groningen
Illuminazione generale interna ed esterna

w/ Arch. A. and F. Mendini
Foto: