ENG | ITA

L'Italia ha avuto per un periodo di tempo molto lungo un ruolo speciale per quanto riguarda le arti applicate e l’artigianato. Mentre l'avvento della meccanizzazione ha reso superflue le attività manuali nel regno degli oggetti di produzione di massa, l'antica tradizione italiana nel ramo manifatturiero della ceramica, del vetro, del legno, della paglia e dei tessuti è tale che anche nei settori in cui la produzione industriale ha avuto il sopravvento (per esempio, mobili e arredamento in genere) alcune delle prerogative del carattere italiano sono rimaste: vale a dire la fantasia e la ricerca di una buona forma (Gillo Dorfles, "La situazione del design industriale in Italia", in catalogo: "Italienishes Mobel Design", ICE 1980, pg 12-21). Nell’allestimento di questa mostra, è stato dato il massimo rilievo agli oggetti come una priorità per il visitatore: la comunicazione è intesa come la relazione tra oggetti e i media, il progetto è lo strumento base per la pianificazione dei prodotti. Un sistema molto semplice di piccoli tavoli bassi e pannelli in tessuto delimitano le aree espositive dove gli oggetti sono stati disposti in ordine cronologico. Le lampadine alogene a bassissima tensione usate nel sistema "Scintilla", espressamente progettato per questi spazi, illuminano i mobili e i pannelli espositivi con luce scintillante senza creare ombre fastidiose.

1980

Germania
Colonia, Museo Kolnishes Stadt
Italian Furniture 1950 - 80
Illuminazione generale

w/ Studio De Pas, D’urbino, Lomazzi
Foto: P. Castiglioni