ENG | ITA

Il "Palazzo Pubblico", costruito nel1300, ha subito nel corso dei secoli ripetuti lavori per il restauro e il consolidamento strutturale. Nel 1884 fu praticamente distrutto e costruito nuovamente dall'architetto Francesco Azzurri: dieci lunghi anni di lavori trasformarono il Palazzo (la Dimora del governo della Serenissima Repubblica di San Marino) nella configurazione attuale. Gli intenti del progetto "nel più puro stile comunale" sono illustrati dall’ Azzurri stesso che ha dichiarato: "... attraverso la struttura esterna e interna, il Palazzo vuole esprimere il glorioso passato della Repubblica, la sua fermezza, la sua storia, la sua struttura moderna ... " L'attuale opera di restauro è limitata ai consolidamenti strutturali; per la nuova illuminazione di tutti gli interni pubblici e governativi è stato progettato e costruito un nuovo apparecchio di illuminazione, ispirato da una "gabbia cilindrica un ferro battuto contenente una torcia" posizionata sul tetto del fabbricato: questo nuovo dispositivo, chiamato "Cestello cilindrico", successivamente prodotto in serie da iGuzzini, ospita dodici lampade ad alogeni a bassissima tensione con un fascio di luce controllata orientabili sia sul piano verticale che orizzontale grazie a uno snodo cardanico. Data la grande flessibilità e le possibilità che l’apparecchio offre, "Cestello cilindrico" è stato usato per l'illuminazione generale e d’accento in tutte le aree pubbliche, per i passaggi e le pareti decorate: accompagna il visitatore dal portico, attraverso l'atrio e la scala monumentale, fino alle sale che ospitano il "Consiglio Grande e Generale" e il "Consiglio dei 12" in modo tale da definire, enfatizzare e unificare il percorso ufficiale.

1993

Repubblica di S. Marino
San Marino
Palazzo Pubblico
Illuminazione generale interna ed esterna

w/ Arch. G. Aulenti
Foto: P. Castiglioni